Investire nell'acqua una risorsa unica

Investire nell’acqua: una risorsa unica!

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Diversificazione negli investimenti finanziari, Gestione degli obiettivi di investimento, Strumenti azionari

Investire nell’acqua i propri risparmi, può essere una buona alternativa?
La complessa situazione dei mercati finanziari in questi ultimi tempi, ci mette di fronte a scelte sempre più complesse soprattutto per quanto riguarda gli investimenti.
I conti correnti, i conti deposito (anche quelli più “virtuosi”)?
E le obbligazioni?

Investire nel legno perchè quali opportunità

Investire nel legno: perchè? Quali opportunità?

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Diversificazione negli investimenti finanziari, Portafoglio finanziario, Strumenti azionari

Investire nel legno, di questi tempi è una buona opportunità? Ma come si fa a investire nel legno? Proviamo a capire le caratteristiche di questa asset class. Investire nel legno: quali caratteristiche? Il settore del legno risulta particolarmente interessante come comparto da valutare per un investimento. E’ un settore ciclico, ovvero influenzato positivamente dai cicli economici positivi. Infatti in un contesto di espansione la domanda tende ad aumentare (settore imballaggi, case, mobili, ecc…) e di conseguenza il suo prezzo ovvero quello delle aziende produttrici. L’aspetto interessante di questa materia prima è che in fase espansiva, per ovvi motivi legati alla produzione, non riesce a rispondere in modo veloce ai picchi di domanda. In funzione di questo, il prezzo per le forniture di legname viene stabilito in modo anticipato. Da un certo punto di vista questo aspetto consente una maggiore stabilità dei prezzi ed un monitoraggio della domanda potendo prevedere le prospettive future per questa materia prima. Da un punto di vista degli investimenti invece possiamo considerare investire nel legno alla pari di un investimento in una obbligazione zero coupon. Ovvero un investimento che non produce flussi di cassa ma che matura la sua redditività con il raccolto alla scadenza. Per questo motivo i gestori di questi investimenti, tendono a diversificare su produzioni con diverse scadenze di raccolto. Investire nel legno: quali prospettive? Come riportato dalla testata giornalistica Business Insider, le prospettive per questo tipo di investimento sono ottime. Infatti la domanda di legname nel mondo, cresce in modo verticale e […]

Gestiona attiva o gestione passiva quello che c'è da sapere.

Gestione attiva o Gestione passiva? Quello che c’è da sapere…

Pubblicato il 2 commentiPubblicato in Risparmio gestito, Strumenti azionari, Strumenti finanziari

Gestione attiva o gestione passiva? Parlando di investimenti è giusto farsi questa domanda. Proviamo a capirci qualcosa. Gestione attiva o gestione passiva: cosa vuol dire? E’ possibile scegliere tra diversi strumenti su cui investire: azioni, obbligazioni oppure fondi ed ETF. La maggior parte delle persone ha dimistichezza con i fondi, perché è lo strumento che va per la maggiore tra le banche ed i promotori finanziari ovvero quei soggetti che lavorano su mandato per una banca. I fondi e gli ETF non sono altro che dei contenitori all’interno dei quali ci sono delle azioni oppure delle obbligazioni a seconda della categoria a cui appartiene il fondo o l’ETF. I fondi vengono spesso promossi dagli abili venditori in quanto dovrebbero offrire un valore aggiunto poiché il gestore applica una gestione attiva, ovvero seleziona i titoli da mettere nel contenitore. Oltre che per la gestione attiva, chi te li deve vendere, li sponsorizza anche perché si conferisce incarico ad una società di gestione che dovrebbe essere più esperta di te sugli investimenti. Gestione attiva e gestione passiva: un occhio ai costi. Naturalmente, come mi disse una volta un cliente, “nemmeno il cane muove la coda per niente”, cotanta bravura deve essere pagata. Nei casi più disperati, viene chiesta una commissione di entrata che in alcuni casi può essere tolta. Poi ci sono le commissioni di gestione annua che servono per pagare la banca, il promotore e la casa di gestione attiva. Poi ogni tanto, per non farsi mancare nulla, qualcuno ci infila pure una commissione […]

Azioni non quotate: se le conosci le eviti…

Pubblicato il 2 commentiPubblicato in Portafoglio finanziario, Strategie di investimento, Strumenti azionari

Azioni non quotate, argomento scomodo e scottante. Molti sono i risparmiatori che si ritrovano in portafoglio le azioni o le obbligazioni, soprattutto di banche locali, che non riescono a vendere. Più che un problema, vista la sua diffusione, parlerei di una vera e propria piaga sociale su cui lo Stato garante costituzionale dei risparmi dei cittadini se ne infischia. Non ci sono molte soluzioni da intraprendere ma qualche soluzione c’è, proviamola a scoprire insieme alla proposta di RDFinanza.

Rimborso azioni non quotate

Azioni non quotate: è possibile il rimborso?

Pubblicato il 24 commentiPubblicato in Strumenti azionari

Le azioni non quotate sono spesso fonte di problemi per i possessori che per mille ragioni se le ritrovano in portafoglio. Purtroppo la natura dello strumento non consente una gestione agile dello stesso, ma a quanto pare il legislatore se ne è accorto ed ha pronunciato una sentenza che potrebbe portare dei benefici ai malcapitati. Cosa ha disposto il legislatore?

Azioni non quotate

Come perdere il proprio patrimonio con le azioni non quotate

Pubblicato il 46 commentiPubblicato in Gestione degli obiettivi di investimento, Portafoglio finanziario, Strumenti azionari

Molte sono le realtà bancarie che invitano i propri clienti a diventare soci e a comprare le loro azioni. Ma ha veramente senso? È conveniente diventare socio di una banca magari non quotata? A quali problematiche si va incontro? Hai azioni non quotate, magari di una banca? Sai cosa stai rischiando? Sai che possono essere carta straccia? Come puoi svincolare le azioni non quotate?

Petrolio e azioni

Petrolio e azioni: cosa ci fa guadagnare?

Pubblicato il 1 commentoPubblicato in Investire nel Petrolio, Portafoglio finanziario, Strumenti azionari

Il petrolio è sempre stato un buon indicatore per comprendere l’andamento dei consumi. Negli ultimi anni le quotazioni del petrolio e delle azioni stanno avendo andamenti distaccati… Per cui se una borsa valori spumeggiante è sintomo di una economia vigorosa il prezzo del petrolio depresso ci indica un’altra cosa.. Chi sta mentendo?

Grecia - La situazione dei mercati finanziari e dell occupazione

Mercati finanziari e occupazione: quali nessi con la Grecia?

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Misteri finanziari, Obbligazioni, Strumenti azionari

Che tipo di informazioni ci passano i media sulla realtà? I mercati azionari sono anni che crescono ma riflettono concretamente la realtà? I rischi come quelli che riguardano la Grecia rimangono fini a se stessi oppure possono provocare rischi sistemici? Ed in quest’ultimo caso quali implicazioni ci sono per i portafogli?

Cosa misura la volatilità

Volatilità: indicatore di rischio?

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Risparmio gestito, Strumenti azionari

L’altro giorno ero in posta per spedire una raccomandata e c’era vicino l’ufficio di “consulenza”. Sento quindi l’impiegata che spiegava ad un ignaro risparmiatore che in questi periodi conviene sottoscrivere prodotti assicurativi vista l’elevata volatilità dei mercati… Mi sono fatto una gran bella risata! Proviamo a capirci qualcosa.

Aumento di capitale sociale

Aumento di capitale sociale: il caso Carim

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Gestione degli obiettivi di investimento, Strumenti azionari

Spesso capita che la banca ci invita a sottoscrivere l’aumento di capitale sociale o le obbligazioni emesse dalla stessa banca come è accaduto per banca CARIM. Da un lato c’è la responsabilità di chi propone di rendere edotto il risparmiatore sui veri rischi a cui va incontro, dall’altro il risparmiatore si deve chiedere le ragioni per cui fare o non fare una determinata operazione.

La banca morta

Sopra la banca il cliente campa, sotto la banca il cliente crepa

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Obbligazioni, Strumenti azionari

I requisiti di accesso al credito sono molto rigidi per appurare che il cliente sia in grado di rimborsare il prestito. Peccato però che così tanta rigidità e integrità non venga conservata dalle banche quando devono collocare i loro prodotti ed invitano i clienti a sottoscrivere polizze, azioni e obbligazioni della stessa banca.