Educazione finanziariaGestione degli obiettivi di investimentoStrategie di investimento

Gestione del patrimonio, quanto tempo gli dedichi?

Miglior metodo finanziario

Quando si parla di consulenza sugli investimenti si ripetono sempre alcune dinamiche. Tra le più gettonate il costo di una consulenza o un percorso. Ma la domanda non dovrebbe essere quanto costa un servizio, ma quanto sta costando al patrimonio il mio atteggiamento.

 

Investire il proprio tempo per raggiungere dei risultati

Le persone più disciplinate investono del tempo in tante attività: lavoro, palestra, hobby. Sugli investimenti la maggior parte delle persone vuole solo il risultato senza fare alcuna fatica e senza sostenere alcun costo.
Questo è un controsenso. Non ha senso.
Si passa la maggior parte del tempo al lavoro, si fanno sacrifici per risparmiare e poi quando è il momento di investire è più comodo togliersi il problema e non pensarci più. Peggio ancora avanzando delle pretese.

Bisogna ristabilire un ordine. Se non hai tempo e voglia da investire sul tuo patrimonio, allora è meglio non investire soldi. Diversamente sei in balia di quello che qualcun altro decide per te. Quindi devi solo decidere da che parte stare.

Chissà perchè se uno vuole imparare a cucinare va da un cuoco stellato che sa cucinare, se vuoi avere risultati eccellenti in palestra vai da un trainer che passa ore in palestra, ma se si parla di investimenti ti affidi a una figura che nella maggior parte dei casi prende uno stipendio per campare per poi dire a te cosa fare con i tuoi soldi mentre lui o lei non ha possibilità di fare.

E di che dobbiamo parlare? Come chiedere consiglio a uno di quale è il posto più bello del mondo, ma lui non c’è mai stato…

 

Elemento comune di chi non sa investire

Ieri sono stato praticamente assalito dalle telefonate di nuovi potenziali clienti che mi chiedevano informazioni sui miei servizi. È sempre un piacere scambiare due chiacchiere con persone che non conosco perchè mi aiutano a capire tante cose, come ad esempio:

  • quanto lavoro c’è ancora da fare con le persone in campo finanziario;
  • qual è il livello medio di preparazione da un punto di vista finanziario;
  • cosa si aspettano le persone da me;
  • conoscere nuove storie personali da cui provengono i patrimoni (spesso da attività aziendali ben gestite piuttosto che da eredità).

La cosa più comune tra le persone che mi contattano però è sempre una: la confusione. Già hai letto bene. C’è una gran confusione in giro.

Questo mi ha spinto a fare alcune riflessioni che hanno dato origine a questo articolo.

 

Miglior metodo finanziario: la capacità di individuare soluzioni

Tutti noi siamo finanziariamente ignoranti. Dal mio punto di vista è una responsabilità scolastica. Passiamo tutta la vita sui banchi pensando che il risultato migliore sia quello di prendere dei buoni voti senza fare della scuola un campo di addestramento dove poter liberamente sbagliare. Più che il risultato finale giusto o sbagliato, la valutazione dovrebbe essere fatta sulla capacità di individuare soluzioni.

Il problema è che questo atteggiamento te lo trascini dietro anche nella vita. E quindi l’errore non è ammesso. Ma nella vita, come negli investimenti gli errori ci sono.

Di ogni sbaglio bisogna farne tesoro e portare a casa quanto di positivo si è appreso. La vita è un percorso da ogni punto di vista.

 

Intelligenza finanziaria: capacità di generare redditi

Quando finisce il periodo scolastico ed inizia la vita lavorativa iniziano le prime dinamiche finanziarie e lì apriti cielo…
Se ha bisogno di rivolgerti ad una banca per chiedere soldi, ad esempio, la tua preparazione scolastica non importa molto. Quello che importa è dove ti ha portato la tua intelligenza finanziaria. La tua capacità di generare redditi.
Capita di frequente che le persone che magari erano delle capre a scuola, hanno sviluppato una intelligenza finanziaria superiore a chi magari era il primo della classe.
È sbagliato studiare? Assolutamente no. È sbagliato studiare per il voto, così come ritengo sbagliato lavorare per soldi.

Se va bene, quando c’è da chiedere un mutuo per esempio, il massimo dell’attività che ci si ferma a fare è quella del giro delle sette chiese per chiedere chi ci applica il tasso più basso. Poi magari sfuggono condizioni capestro ben più importanti… tipo il tasso minimo (c.d. floor), assicurazioni sulla vita per svariate migliaia di euro, ma peggio ancora senza capire che il problema del mutuo non è tanto il tasso quanto l’impatto che la rata ha sul proprio reddito personale.

Ho visto gente che si impicca con mutui trentennali per realizzare il sogno della vita: comprarsi la casa. Poi magari non esce di casa per non andare a mangiare una pizza perchè non se lo può permettere. Senza considerare che trent’anni sono praticamente una vita e magari ci sono eventi non prevedibili che possono succedere (nascita di un figlio, cambio di un lavoro, perdita del lavoro), ma che possono cambiare gli equilibri finanziari di una famiglia.

 

Gestione del patrimonio: le principali preoccupazioni

E che dire di quelli che hanno un patrimonio da gestire?
La prime preoccupazioni sono:

  1. Quanto costa?
  2. Quanto mi fai guadagnare?

Chissà per quale strano motivo passiamo la maggior parte del tempo della nostra vita a lavorare (quindi investiamo del tempo) per rispondere alle esigenze ordinarie, ma anche per risparmiare e per migliorare la nostra posizione. Poi magicamente quando ci sono le circostanze per investire i frutti delle proprie fatiche si pensa che ci sia qualcuno che con una bacchetta magica ci fornisca la soluzione senza che noi facciamo nulla (senza pagare, senza impiegare del tempo).. Mah!

Quindi, quanto costo? Molto semplice. Te la faccio io una domanda. Quanto tempo ti devo dedicare? Poco? Allora costerò poco…

Come? Non ti piace essere trattato come al supermercato? Ovvero di fretta tipo “Avanti il prossimo!”?

E allora se vuoi un servizio diverso bisogna che fai in modo diverso…

Anche perchè lì dove pensi di non pagare niente, paghi profumatamente. Tu non lo vedi perchè ti limiti ad obbedire all’imperativo “Firmi qui, qui e qui” con sorriso a 34 denti dell’impiegato di turno. Consegni l’assegno o ricevi l’addebito in conto del tuo investimento e arrivederci e grazie.

Poi di solito quando torni a casa per vedere cosa hai comprato, scopri le varie commissioni annuali che paghi (se le scopri)…

Perchè succede questo? Beh perchè, beata ignoranza ca te fa sta bbene de core e de panza

“Io ti do i miei soldi frutto del mio lavoro, per cui siccome tu sei il capiscione finanziario e ci guadagni molto di più con i miei soldi e che ti devo pure pagare?!?”

Oppure di quelli che dicono “Scusa dottò, ma che ti pago a risultati raggiunti?”

Non ci siamo ragazzi. Non ci siamo proprio.

Ma tu lo hai visto mai un medico che viene pagato solo se una patologia viene curata? Il commercialista che viene pagato solo se la società chiude in utile? No?!? E allora perchè dovrebbe essere così con chi si occupa della tua situazione finanziaria? Per quale motivo una persona dovrebbe lavorare gratis?

Il tempo ha un valore. Lo ha il mio, come lo ha il tuo. Se proprio dobbiamo donare del tempo tanto vale dedicarsi a se stessi, alla propria famiglia o ad altre attività benefiche.

Poi se ti piace pensare che c’è qualcuno che lavora gratis, liberissimo di farlo…In fondo anche al ristorante il servizio è “gratis” e non lo paghi a parte… È come lo struzzo che nasconde la testa sotto la sabbia, non vede e non sente niente ma lascia qualcosa di scoperto fuori…

 

Il miglior metodo finanziario richiede dedizione

Ora a questo punto la faccenda praticamente è questa: tutti vogliono o sono interessati ad investire soldi. Nessuno che si preoccupa però di investire del tempo. E no, nessuno ha tempo da investire per capire come gestire il proprio denaro. Il che se ci pensi è un controsenso. Ti fai il mazzo per guadagnare i soldi e non ti fai il mazzo per capire come investire in modo intelligente.

Questione di gusti, ci mancherebbe. Quello che però ti posso dire è che ciò che ti rende ricco non sono i soldi. Ogni tanto si palesa qualcuno con la solita frase:

“Se avessi centomila euro…Se avessi un milione…”

E a me in testa viene sempre la solita risposta:

“..E falli se pensi che ti possano cambiare la vita! Trova un modo per farli!”

Ma il problema non sono i soldi. È come pensare che il problema sia la macchina. E che te ne fai di una Ferrari se non la sai guidare?

Abbiamo una marea di esempi di gente famosa che ha fatto tanti soldi nel corso della vita e poi nel giro di poco si è bruciata tutto finendo sul lastrico.

Quindi non è un problema di soldi, ma un problema di come essi vengono gestiti. È quindi un problema innanzitutto di come gestisci il tuo tempo ed in secondo luogo delle informazioni che possiedi.

Non è quindi che un consulente costa tanto o poco, il problema è quanto tu costi al tuo denaro.

 

Quanto tempo sei disposto ad investire per capire cosa fare con i tuoi soldi?

Io investo il mio tempo ed i miei soldi come fai tu o dovresti fare tu. Non ho ricette magiche, nessuno le ha. Posso condividere le mie informazioni ed il mio percorso con chi decide di seguirmi. Chiedo tanto ai miei clienti. Tantissimo.
No, non in denaro.
Ma soprattutto in tempo perchè lavoriamo su tantissimi aspetti che vanno dalla pianificazione, alla gestione dell’aspetto emotivo alla formazione finanziaria.

Perchè investo tutto questo tempo?

Perchè amo il mio lavoro.
Perchè credo che sia la mia missione.
Perchè mi piace vedere le persone contente del lavoro che facciamo insieme. Il risultato è sempre una conseguenza di un modo di lavorare.

 

Principali cardini del “miglior metodo finanziario”

Ricapitolando, in questo articolo abbiamo visto che:

  • Siamo finanziariamente ignoranti. Per cambiare la propria situazione occorre fare un lavoro.
  • Il problema non è quanto costa un consulente, il problema è quanto tu costi al tuo patrimonio con il tuo atteggiamento.
  • Non esistono servizi gratis. In nessun settore. Perchè dovrebbero esistere in finanza?
  • Il tempo ha un valore. Prima di investire soldi, devi investire tempo. Se non hai tempo da investire, allora non investire soldi.
  • Il punto non è quanti soldi si hanno a disposizione. Il punto è avere un metodo. Sapere cosa farci con i soldi. Se non possiedi un metodo, se non possiedi una conoscenza per investire e proteggerli, è praticamente inutile avere soldi. Pochi o tanti che siano.

Quindi il risultato di gestione sui tuoi soldi non lo fa la persona che ti segue. Lo fai tu. Questo è il miglior metodo finanziario!
Quanto tempo vuoi dedicare per la gestione del tuo patrimonio?

Se la tua risposta a questa domanda è poco, allora non mi contattare perchè anche io ho poco tempo da dedicarti.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *