Diversificazione negli investimenti finanziariFinancial Coach RiminiStrategie di investimento

Che domande si fa un investitore? Investimenti finanziari e diversificazione

Diversificare gli investimenti finanziari 2020

Investire non è un mestiere semplice perchè fa emergere spesso le nostre debolezze e le nostre paure, che si palesano in forme di domande o desideri. Domande giuste che nascono dalla volontà/esigenza di difendere il proprio patrimonio.
Ma poi c’è l’altra faccia della medaglia ovvero il desiderio, anche questo legittimo, di far fruttare questo patrimonio. A parte gli aspetti tecnici che hanno una loro importanza, le risposte alle domande sono un lavoro personale. Il consulente soltanto parzialmente può aiutare nelle risposte.

Quali sono le domande più frequenti che si fa un investitore piccolo o grande che sia?

  • Cosa faccio? Compro? Vendo?
  • Aspetto il prossimo ribasso per entrare?
  • Esiste un investimento con il capitale garantito?

Queste sono le domande più comuni e che si ripetono costantemente.
Sono domande legittime, giuste e soprattutto corrette.

 

La paura di perdere i soldi

Spesso vengono motivate dalla paura. La paura di perdere soldi.

E questo è comprensibile, soprattutto perchè nella stragrande maggioranza dei casi si tratta di patrimoni guadagnati con il lavoro da parte di imprenditori o liberi professionisti.
Ed ogni singolo euro accumulato è costato fatica.
Quella fatica che non si vuole dover ripetere per rimediare ad un errore.

 

Quali rischi d’investimento ti assumi (tuo malgrado)?

Nel momento in cui si investe però, ci si assume un rischio.

“Ah, ma io di rischi non ne voglio prendere…”

starai pensando…

Eppure te li prendi tutti i giorni e anche la scelta di non investire alla fine incorpora un rischio.
Se tieni i soldi sul conto corrente, potrebbe esserci una patrimoniale oppure semplicemente la banca potrebbe fallire (evento che abbiamo visto negli ultimi anni più volte verificarsi).

E se anche queste ipotesi non dovessero accadere, c’è sempre il nemico invisibile.
Quello che lavora a tua insaputa e silenziosamente: l’inflazione.

Quindi come vedi un rischio te lo assumi sempre, qualsiasi decisione tu voglia prendere.

 

Rischio d’investimento e profilo di personalità

Dunque, partendo dal concetto di base che un rischio ce lo assumiamo sempre, bisogna prendere le opportune misure con la nostra personalità.
Ognuno di noi ha la propria. C’è chi non vuol vedere le oscillazioni in portafoglio. C’è chi si aspetta che il proprio capitale sia protetto. C’è chi invece vuole ottenere il più possibile dai propri soldi.

Partiamo dal fatto che la ricetta magica non esiste.
Probabilmente le diverse scelte sono anche influenzate dal consulente finanziario con cui ci si confronta.
Intendo dire che ogni professionista ha la sua personale visione, il suo particolare modo di lavorare che solo a posteriori si potrà sapere se sarà risultato efficace o meno.

 

Possibili forme di investimento finanziario

Io personalmente ritengo possibilità di investimento tutte le forme possibili nel senso più ampio del termine.

Gli immobili da mettere a reddito in Italia oppure all’estero, le materie prime, le azioni, le obbligazioni e anche le criptovalute o le partecipazioni in aziende.

 

Caratteristiche essenziali di un investimento finanziario

Ogni cosa deve però avere il giusto peso. In particolare, per come la vedo io, le caratteristiche che deve avere un investimento sono essenzialmente due e fanno perno sul controllo.

  1. La pronta liquidabilità. Pensa per esempio ad una azione Fiat (giusto per fare un nome). Ovviamente nessuno di noi può essere decisivo od intromettersi nelle decisioni aziendali. Però, trattandosi di un titolo quotato, posso decidere in qualsiasi momento quando comprarla e soprattutto quando venderla.
  2. Il controllo al 100%. Cosa vuol dire il controllo al 100%? Pensa per esempio ad un immobile. A meno che tu non lo abbia ereditato, decidi tu quando e se comprarlo, dove comprarlo, quanto spenderci, se desideri affittarlo e a chi, come e a quale prezzo. Sicuramente non è prontamente liquidabile, ma hai il controllo dello stesso e quindi decidi anche, compatibilmente con la situazione di mercato, quando disfartene. La stessa cosa potrebbe dirsi per una criptovaluta o per un lingotto in oro.

Tutti gli investimenti che non rispondono ai precedenti requisiti, sono a mio avviso da evitare.

 

Investimenti finanziari e diversificazione

Il più grande investitore di tutti i tempi, Warren Buffet, sostiene che la diversificazione è l’arma contro l’ignoranza perchè non ha senso se sai cosa stai facendo.

Effettivamente, se ci pensi bene, questa affermazione ha un suo senso. Se ognuno di noi sapesse prima che facendo un determinato investimento fosse in grado di raddoppiare o decuplicare il proprio investimento, chi di noi si tirerebbe indietro?
Ovviamente nessuno.

A conti fatti però, la diversificazione insieme al controllo è l’unica arma a nostra disposizione.
Dal mio punto di vista sono strettamente legate.

Siccome la nostra forma di controllo la possiamo esercitare decidendo se comprare o vendere, ma non possiamo entrare nelle dinamiche di gestione di una azienda né tantomeno del mercato (basti pensare all’evento inatteso ed improvviso del Covid19), allora l’altra arma di difesa del nostro patrimonio la possiamo esercitare attraverso la diversificazione.
Ovvero investendo il nostro patrimonio su più asset (immobile, azioni, obbligazioni, materie prime, ecc…).

 

Diversificazione finanziaria sì, ma ben fatta!

Purché la diversificazione sia ben fatta. Cosa voglio dire?

Ti faccio un esempio. Proprio oggi mi ha chiamato una persona che mi ha esposto la sua situazione. Mi ha riferito di avere una esposizione nel settore Technology attraverso due fondi di due case diverse.

Questo è un chiaro esempio di cosa vuol dire non avere una diversificazione. Un fondo come un ETF in generale replica un indice. Questo significa che grosso modo all’interno ci saranno gli stessi titoli. Poi magari uno avrà una esposizione su APPLE (per fare un nome) del 1% mentre l’altro del 2%.

Come puoi ben capire però “tra Luglio e Agosto sempre caldo è!”.

Se tu avessi bisogno di acquistare due autovetture, comprendi da solo che al netto della simpatia o preferenza per un marchio o per l’altro, se acquistassi una Fiat Punto e una Volkswagen Polo sarai sempre in possesso di due utilitarie!

Sarebbe stato profondamente diverso se la persona mi avesse detto: “Ho diversificato mediante due fondi uno sul Technology e l’altro sull’alimentare”. Settori diversi, aziende diverse.
Fermo restando che anche così sarebbe stata una diversificazione incompleta mancando materie prime ed obbligazioni per esempio.

Lo stesso discorso, vale se uno si volesse dedicare alla scelta e all’esposizione di un singolo titolo azionario. Se ho deciso di prendere esposizione sul settore bancario (per esempio) è pressoché inutile prendere esposizione su due titoli appartenenti allo stesso settore. La cosa migliore è selezionare quello che secondo la nostra analisi è il migliore.

Chiaro che la selezione e l’esposizione sul singolo titolo comporta anche maggiori rischi oltre che a mettere in campo una serie di competenze non comuni.

Per questa ragione ho ideato il mio servizio di consulenza generica in cui se desideri essere più attivo per quello che riguarda la parte azionaria, puoi vedere i titoli su cui abbiamo preso esposizione cliccando su questo link https://wallmine.com/portfolios/204177/s/RCEPpv8atuo9fRDmP9UzA5wA

Inoltre se vuoi essere dei nostri e quindi prontamente aggiornato sulle segnalazioni che fornisco, mi puoi contattare a info@rdfinanza.it indicandomi il tuo numero di cellulare ed il tuo nome e verrai inserito nella mia segretissima lista Whatsapp.
Riceverai aggiornamenti direttamente sul tuo cellulare quando verranno pubblicati!

Per concludere, le domande che ogni investitore si pone come ho riportato all’inizio sono più che giuste e legittime. La risposta però non può arrivare dal consulente, ma deve provenire dal cliente stesso in base alle sue esigenze ed aspettative.
Su quelle poi si cercano le risposte compatibili con quello che il mercato offre.

In qualità di investitore, quali domande ti fai? Ma soprattutto che risposte hai ottenuto?

Alla prossima!
Roberto D’Addario
Financial coach

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *