Educazione finanziariaFinancial Coach RiminiPsicologia finanziaria

Tu devi investire! Per primo su te stesso!

Come investire soldi online

Qual è il miglior metodo finanziario?

Quante volte ho sentito dire…

E se avessi 100.000€ allora sì che la mia vita sarebbe differente…

Poi vai a vedere e nessuno fa un bel niente per raggiungere la situazione desiderata. Bisogna partire da qualche parte. Nessuno di noi parte da zero. Nessuno.
Perché disponiamo di due risorse fondamentali:

  • il tempo;
  • la nostra persona.

Già investire bene queste due risorse può aiutarci a migliorare la nostra vita. Se poi lo facciamo con metodo, allora il risultato è praticamente garantito. Un metodo. Occorre darsi un metodo. È difficile partire, ma, una volta fatto, la strada è tutta in discesa. Funziona così anche con gli investimenti. Bisogna iniziare. È come quando si scrive. Nessuno ha imparato a scrivere perchè ha assistito ad una lezione. Abbiamo imparato a scrivere facendolo! Allora cerchiamo di capire da dove si parte…

Si lo so che il mio imperativo ti sta quasi sulle palle! E che subito ti è venuto da pensare

“Ma come si permette questo qua di dire che io devo investire che non ho un franco da sbattere contro quell’altro! Ma che non lo sa questo qua che con il mio stipendio ci devo pagare le bollette, ci devo mangiare ecc…? E dove investo? Che li butto in mezzo alla strada e ci passo sopra con la macchina?”

Molto bene, se questa è stata la tua reazione rilassati, prenditi 5 minuti del tuo tempo e leggiti quello che ho da dirti, sempre se ti interessa avere qualche soldo da parte per il tuo futuro.

Se invece vuoi continuare a lamentarti e rompere le scatole allora continua a farlo sapendo che ci rimetti tu, non io di certo!

 

1. Impara a pagarti per primo

Partiamo subito da una questione. Ti devi volere bene! Tu vieni prima di tutto il resto!

E che c’entra questo con i soldi e gli investimenti? C’entra, eccome se c’entra.

C’entra perchè devi imparare a pagarti per primo.
Cosa significa pagarti per primo?
Significa che fatto 100 il tuo stipendio, fatte 100 le tue entrate nel mese, il 10% almeno lo devi mettere da parte come prima cosa.
Prima ancora di pagare tutti gli impegni che hai da pagare. Quindi prima metti da parte, poi pensi al resto.

“E si facile a dirsi… ma come si fa?”…

Lo fai e basta. Lo fai se ci tieni al tuo futuro. Lo fai se sei fedele ad un metodo. Lo fai se vuoi raggiungere un obiettivo che evidentemente ti devi essere dato.

Non ho scritto né che sia facile né tanto meno che sia banale. È una fatica lo so benissimo. Ma che succede se poi ci prendi la mano e anziché fare il 10%, diventa l’11%, poi il 12% ecc…?

Quindi ricapitolando: ti devi volere bene e ti devi impegnare a pagarti per primo mettendo da parte almeno il 10% delle tue entrate mensili.

Se pensi che sia difficile è normale. Ti dico però subito un’altra cosa. La difficoltà finanziaria aumenta la nostra intelligenza finanziaria e quindi il tuo fantastico cervello ti aiuterà a trovare la strada ed il modo per risparmiare dove hai bisogno di farlo se sei fedele all’obiettivo del 10%.

 

2. Dove investo i miei soldi?

Ok, una volta che hai capito questo probabilmente la seconda questione che si pone è

“Bene Roberto, ma dove li investo? Io non ci capisco niente di mercati”.

La prima questione che devi comprendere è la differenza tra attivi e passivi. Gli attivi sono quelli che ti mettono soldi nelle tasche, i passivi sono quelli che ti tolgono soldi dalle tasche (un cellulare nuovo, la vacanza, la macchina…ecc…). Cosa. Cosa cosa??? Sì, stai tranquillo non ti sto dicendo che devi rinunciare a queste cose.

Tutti noi abbiamo dei desideri. Ci mancherebbe che tu non abbia voglia di comprarti un cellulare nuovo, oppure di farti una vacanza. Allora cosa devi fare se non devi rinunciare? Se il tuo passivo costa 1000€, per esempio, devi trovare prima un attivo su cui investire che ti produca quella quantità di denaro necessaria.

Una volta trovato l’attivo, avrai da un lato i tuoi soldi da parte e dall’altro la vacanza! Se tu obbedissi subito al tuo istinto, spenderesti soldi che magari non hai e ti ritroveresti senza soldi e peggio ancora con un debito!!

È una questione di mindset (programmazione mentale)!!

 

Il primo “attivo” di cui disponi sei tu

Partiamo dal fatto che il primo attivo di cui disponi sei tu. Quindi probabilmente non lo sai, ma c’è qualcosa che tu puoi fare e che può essere utile a qualcun altro che magari è disposto anche a pagarla!

Magari puoi migliorare le tue qualità lavorative oppure se la condizione non lo permette, magari sai fare qualcosa che altri non conoscono. Magari sai cucire, sai cucinare, sai ballare, sai nuotare, sei bravissimo in matematica, conosci il latino: c’è sicuramente qualcosa che tu conosci e che qualcun altro non sa o che sa in modo diverso da te.

Questo è un primo modo con cui puoi rendere più profittevole il tuo attivo principale: Tu e che ti può aiutare a pianificare con metodo le risorse da mettere da parte.

Non te ne frega una mazza di mettere a frutto i tuoi talenti e le tue conoscenze perchè non ti pesa mettere da parte quel 10%? Bene, intanto inizia con metodo senza mai tradire questa promessa ad accumulare quello che diventerà molto presto un gruzzolo su cui contare, un attivo profittevole.

Quando avrai a disposizione il tuo zoccolo duro a quel punto ci saranno tante cose da poter valutare. La globalizzazione e l’automazione oggi ci permettono di fare tantissime cose che fino a 10 anni fa non erano nemmeno immaginabili. Basta pensare per esempio alle tante piattaforme di social lending che ti consentono di prestare direttamente soldi ad aziende, privati e a partecipare in operazioni immobiliari con quota parte (anche solo 50€) dislocati in tutto il mondo!

 

Nessuno sa cosa farà il mercato domani. Nessuno.

Preferisci stare su cose più tradizionali, ma non ci capisci niente di mercati finanziari? Bene, anzi benissimo. Aldilà che tu ci capisca o non ci capisca niente, ti comunico una notizia confortante: per quanto lì fuori ci siano profeti e Nostradamus pronti a fare le loro previsioni su cosa farà il mercato, c’è un sola verità: nessuno sa cosa farà il mercato domani. Nessuno.

Quello che noi possiamo sapere è rimanere fedeli ad un metodo, ad una possibilità di investimento. Se per esempio, negli ultimi 7 anni, avessi investito con costanza su un indice obbligazionario dei paesi emergenti tutti i mesi, oggi ti ritroveresti con un capitale aumentato del 20%… Non una cosa da capogiro, per carità lo comprendo, ma se la quota che tu avessi destinato a questo investimento fosse stata il frutto di un altro investimento? Allora la cosa si farebbe molto più interessante perchè cominceremmo ad entrare in quello che è il mondo della capitalizzazione composta… Facciamo un esempio, giusto per capire di cosa stiamo parlando.

Oggi è possibile trovare investimenti, non finanziari per esempio, in grado di produrre un ritorno del 7-8%.
Ipotizziamo di fare un investimento a queste condizioni partendo da un capitale di 15000€.
Un ritorno del 7% significa avere 1050€ annui. Se questi 1050€ annui fossero stati investiti nel modo descritto sopra per 7 anni consecutivi (rimanendo fedeli al metodo senza curarsi dell’andamento di mercato) avremmo ottenuto 1050€ x 7 anni = 7350 che aumentati del 20% avrebbero condotto a un risultato di 8820€.

8820€ sui 15000€ inizialmente investiti portano ad un ritorno del 58%…Che su base annua significa l’8,4%… Insomma non mi pare tanto schifoso come risultato per non capirci nulla di finanza.

È sicuro? Se qualcuno ti spaccia qualche investimento per sicuro, apri bene gli occhi… Di sicuro nella vita c’è soltanto una cosa e non c’è bisogno che ti dica quale è…

Nulla è sicuro. Ammesso e non concesso che esista qualcosa di sicuro oggi, non è detto che rimanga tale anche domani. Quindi mettiti l’anima in pace perchè con questo ragionamento non dovresti nemmeno uscire di casa… E pur rimanendo in casa correresti dei rischi! Il rischio fa parte della vita!! Come minimizziamo il rischio? Non di certo non facendo le cose, ma acquisendo le informazioni necessarie.

Ti faccio un esempio. Condurre un autoveicolo è rischioso? La risposta è dipende… Dipende dalla situazione, dipende dall’esperienza del pilota… Se dovessimo scommettere su una persona che non ha mai guidato un automobile ci accolleremmo un rischio superiore rispetto ad una persona con anni e anni di esperienza!! Ma nonostante questo non potremmo definire l’azione “condurre un autoveicolo” come priva di rischio!

In conclusione, il messaggio che ti voglio lasciare è il seguente:

  1. Impara a volerti bene e pagarti prima di tutti gli altri mettendo da parte ed investendo il 10% di quello che prendi.
  2. Impara a distinguere gli attivi dai passivi. Liberati il più velocemente possibile dei passivi e cerca dei buoni attivi.
  3. Fai in modo che gli attivi su cui investi ti portino frutto con regolarità ed investi con metodo questi frutti.
  4. Impara a maneggiare il rischio che vuol dire avere padronanza delle informazioni in tuo possesso prima di fare o non fare qualcosa.
  5. Definisci i tuoi obiettivi e sii costante nella loro realizzazione. Ricordati che anche un viaggio di 1000 Km inizia con il primo passo e che 10 saggi che pensano fanno meno strada di uno stupido che cammina! Quindi molla l’ancora ed inizia a prenderti sul serio!

A cosa serve un financial coach? Serve a questo, ad accompagnarti verso la meta desiderata senza farti mollare mai di un centimetro durante il percorso.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *