Roberto D'Addario - Coach finanziario Rimini

Investimenti sicuri e garantiti: la filastrocca del bugiardo

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Educazione finanziaria, Financial Coach Rimini, Portafoglio finanziario

Alzi la mano chi non ha mai provato a cercare il Sacro Graal degli investimenti. Probabilmente c’è chi ancora lo sta cercando senza sapere che la risposta è più vicina di quel che si possa pensare. Che ruolo ha l’informazione e la formazione finanziaria nel processo di investimento? Fondamentale. Scopriamo il motivo.

Consulente autonomo come scegliere quello giusto

Consulente autonomo: come scegliere quello giusto?

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Misteri finanziari, Pianificazione finanziaria, Portafoglio finanziario

Consulente autonomo, come scegliere quello giusto?

Se sei alla ricerca di un consulente finanziario, probabilmente non sei contento del professionista che ti segue.
In finanza purtroppo non esistono certezze.
Questo vale per gli investimenti così come vale nella scelta del professionista da cui farti seguire.
La prima grande cosa che devi decidere è se farti seguire da un consulente finanziario legato da una banca oppure un consulente autonomo.

Investire nel legno perchè quali opportunità

Investire nel legno: perchè? Quali opportunità?

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Diversificazione negli investimenti finanziari, Portafoglio finanziario, Strumenti azionari

Investire nel legno, di questi tempi è una buona opportunità? Ma come si fa a investire nel legno? Proviamo a capire le caratteristiche di questa asset class. Investire nel legno: quali caratteristiche? Il settore del legno risulta particolarmente interessante come comparto da valutare per un investimento. E’ un settore ciclico, ovvero influenzato positivamente dai cicli economici positivi. Infatti in un contesto di espansione la domanda tende ad aumentare (settore imballaggi, case, mobili, ecc…) e di conseguenza il suo prezzo ovvero quello delle aziende produttrici. L’aspetto interessante di questa materia prima è che in fase espansiva, per ovvi motivi legati alla produzione, non riesce a rispondere in modo veloce ai picchi di domanda. In funzione di questo, il prezzo per le forniture di legname viene stabilito in modo anticipato. Da un certo punto di vista questo aspetto consente una maggiore stabilità dei prezzi ed un monitoraggio della domanda potendo prevedere le prospettive future per questa materia prima. Da un punto di vista degli investimenti invece possiamo considerare investire nel legno alla pari di un investimento in una obbligazione zero coupon. Ovvero un investimento che non produce flussi di cassa ma che matura la sua redditività con il raccolto alla scadenza. Per questo motivo i gestori di questi investimenti, tendono a diversificare su produzioni con diverse scadenze di raccolto. Investire nel legno: quali prospettive? Come riportato dalla testata giornalistica Business Insider, le prospettive per questo tipo di investimento sono ottime. Infatti la domanda di legname nel mondo, cresce in modo verticale e […]

BTP Buoni del Tesoro Poliennali, no grazie

BTP: Buoni del Tesoro Poliennali, no grazie!

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Obbligazioni, Portafoglio finanziario

BTP, ovvero buoni poliennali del tesoro. Investimento amato per tradizione dal popolo italico. Ma andiamo con ordine. Il BTP, non è altro che una obbligazione cioè un titolo di debito emesso dallo stato italiano. Un titolo di debito è uno strumento che serve a finanziare il debito dell’emittente. Quindi in questo caso, lo stato italiano emette BTP. L’investitore diventa creditore nei confronti dello stato. Lo stato quindi a sua volta è debitore nei confronti dei possessori di questi titoli. Cosa vuol dire finanziare lo Stato? Beh, finanziare lo Stato vuol dire semplicemente prestargli dei soldi alle condizioni stabilite. Lo Stato ha bisogno di emettere titoli di debito ovvero di finanziarsi per coprire le spese cui va incontro. Mi spiego meglio. Supponiamo che lo stato incassi 100 dalle imposte versate dai cittadini, ma spenda 110 la differenza di 10 deve ovviamente essere coperta. Come viene coperta? Emettendo titoli di debito pubblico. BTP, per quale ragione non comprarli? Ho scritto già diversi articoli sul motivo per il quale sconsiglio vivamente di investire nei nostrani titoli di Stato. Se quindi non li hai letti, ti invito a leggere questi due articoli: Debito pubblico italiano, perchè lasciare perdere i BTP? diversificazione finanziaria: perchè escludere l’Italia Ora, non ti voglio annoiare sul perché non comprare i BTP, argomento su cui mi sono già espresso. L’altro giorno però parlavo con un cliente sulla situazione generale in cui versa l’Italia e quindi sono venute fuori un po’ di tematiche ricorrenti. E a questo punto potremmo aprire uno […]

EURUSD dove andrà e come si leggono le coppie di cambio

EURUSD dove andrà e come si leggono le coppie di cambio?

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Analisi tecnica dei mercati finanziari, Diversificazione negli investimenti finanziari, Portafoglio finanziario

EURUSD è uno dei principali cambi osservati sul mercato. Appartiene quindi a quelli comunemente detti “major”. In linea di massima l’andamento di EURUSD influenza tutti gli altri cambi e cross valutari rispetto all’Euro e rispetto al Dollaro. Ma quando leggi EURUSD, GBPUSD, EURGBP, USDJPY cosa vuol dire? Come si leggono? Dove andrà il cambio EURUSD? EURUSD, Come si legge un rapporto di cambio. Quando ti trovi di fronte ad un rapporto di cambio o cross valutario, bisogna tenere a mente che la prima valuta è quella che compri, la seconda è quella che vendi. Quindi, per esempio, se compri un lotto EURUSD vuol dire che stai comprando EUR e di conseguenza vendi USD. Per una semplice relazione matematica quindi, se vendi EURUSD vuol dire che vendi EUR e stai comprando USD. Quindi devi indicare l’operazione di acquisto con + . L’operazione di vendita con – . A questo punto sai che quando leggi un rapporto di cambio o un cross valutario è come se fosse scritto (+)EUR/(-)USD. Quindi se compri, ovvero +, sai dalla nota relazione matematica che + per + = + mentre +per – = – . Ovviamente se vendi, ovvero -, per la stessa ragione appena esposta sai che + per – = – mentre – per – = + . Ed ecco spiegato perché se compri EURUSD oppure un altro rapporto di cambio o cross valutario compri la prima valuta e vendi la seconda. Mentre se vendi EURUSD o un altro rapporto di cambio o cross […]

Profilo di rischio serve a te oppure serve alla banca

Profilo di rischio: serve a te oppure serve alla banca?

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Portafoglio finanziario

Profilo di rischio, argomento spinoso che voglio trattare in questo articolo. Il profilo di rischio nasce, o almeno dovrebbe nascere, come tutela del risparmiatore. In sostanza in funzione delle conoscenze dell’investitore gli dovrebbe essere più o meno consentito di fare o non fare un certo tipo di investimenti. Profilo di rischio: cosa accade nella realtà? Da un punto di vista pratico quindi succede che quando apri un nuovo rapporto bancario oppure ne sei già in possesso ma inizi ad investire, la banca ti sottopone un questionario. Un questionario, ovvero delle domande, che più o meno sono simili da banca a banca. Tipo: “Quante operazioni hai fatto nell’ultimo anno?” “Se compri una obbligazione in dollari sei sottoposto al rischio cambio?” “Quante azioni ci sono nel FTSE MIB?” E altre domande simili. Spesso e volentieri però, il questionario viene precompilato dalla banca in modo da non farti avere la scocciatura della compilazione. Quindi l’operatore di turno si limita a chiederti una firma qui, qui e qui. E tutti sono a posto. In modo particolare la banca che in questo modo ti può rifilare alcuni strumenti come azioni non quotate della banca stessa, obbligazioni non quotate e/o strutturate emesse dalla banca stessa ed altri strumenti di questo tipo… Profilo di rischio e strumenti finanziari. Nel modo appena narrato quindi in sostanza non sai cosa hai firmato. Perché ti fidi di quella persona che lavora li da tanti anni. Peccato però che molti degli strumenti che le banche hanno bisogno di venderti (azioni non quotate, […]

P.I.R. piano individuale risparmio convengono

P.I.R. Piani Individuali Risparmio: convengono?

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Gestione degli obiettivi di investimento, Portafoglio finanziario, Strumenti finanziari

P.I.R. piani individuali risparmio… In molti mi hanno scritto chiedendomi un parere. Prima di esprimere un parere, vediamo cosa sono questi P.I.R. piani individuali risparmio. Naturalmente mai migliore acronimo fu azzeccato per capire subito di cosa stiamo parlando… P.I.R. Piani Individuali Risparmio: cosa sono? I P.I.R. Piani Individuali Risparmio, sono un eccellente ritrovato per far confluire (spintaneamente) denaro sulle piccole medie imprese italiane. Detto in altri termini, essendo lo Stato incapace di sostenere l’iniziativa privata (quella delle aziende per intenderci) che viene massacrata da ogni punto di vista, qualcuno ha pensato bene di introdurre i P.I.R. piani individuali risparmio. Attraverso i P.I.R. viene fatto confluire denaro sulle azioni ed obbligazioni delle piccole e medie imprese italiane quotate. Ogni singolo P.I.R. piano individuale risparmio, deve essere mantenuto almeno 5 anni e non può superare i 30 mila euro di investimento. Ogni singolo investitore non può superare i 150 mila euro di investimento complessivi. Ma naturalmente la pillola doveva essere indorata per ingolosire il risparmiatore italico massacrato dalle imposte e quindi, udite udite, chi se lo tiene 5 anni ed ha la fortuna di chiudere in guadagno non pagherà l’imposta del 26% sulla plusvalenza! Wow! Una gallina dalle uova d’oro! Certamente una favolosa opportunità per le case di gestione che hanno subito creato prodotti pronti all’uso carichi di costi e commissioni. Non gli sarà sembrato vero a questi signori… 5 anni di commissioni garantite addirittura dallo Stato che in nome di un risparmio fiscale tanto caro agli italiani praticamente ti obbliga a […]

Come investire i soldi

Come investire i soldi: attività semplice o no?

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Gestione degli obiettivi di investimento, Portafoglio finanziario

Come investire i soldi è un’attività che grazie all’evoluzione della tecnologia è diventata accessibile a tutti. Infatti è sufficiente accedere al proprio home banking per avere una finestra immediata sui mercati finanziari. Il fatto che sia un’attività più accessibile rispetto al passato, non vuol dire però che sia semplice. Anzi, i mercati finanziari sono diventati sempre più complessi in questi ultimi anni. Diamo quindi una occhiata ad alcune cose interessanti utili a come investire i soldi. Come investire i soldi: alcune cose da sapere. Il primo passo e segreto per fare le scelte migliori (attenzione non quelle corrette ma quelle migliori) è imparare a conoscere se stessi. Che rapporto hai con il rischio? Ti piace? Come ti comporteresti se la somma dedicata ad un certo investimento andasse completamente persa? Quale è l’obiettivo che desideri raggiungere attraverso il tuo risparmio ed i tuoi investimenti? Domanda la cui risposta è fondamentale prima di decidere come investire i soldi. Per aiutarti a comprendere questo aspetto, ti invito a leggere un mio precedente articolo. Come si definisce un obiettivo finanziario?   Come investire i soldi non guardare solo al rendimento… Una delle cose da sapere quando bisogna decidere come investire i soldi è quella che ad un rendimento offerto maggiore corrisponde necessariamente un rischio maggiore. Ma bisogna stare attenti ad alcune insidie.. Infatti ci sono degli strumenti come i titoli dello Stato Italiano che sembrano sicuri ma potrebbero riservare cattive sorprese.. Non ci credi? Prova a dare uno sguardo a questo mio video.   Come […]

Eredità: come investirla con profitto e senza errori?

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Gestione degli obiettivi di investimento, Portafoglio finanziario, Strategie di investimento

Eredità. Tanti sono gli aspetti da valutare e che hanno bisogno di essere gestiti, in particolare l’aspetto emotivo. E’ importante quindi conoscere i passi da fare per essere consapevoli di come gestire le nuove risorse di cui entri in possesso frutto di una eredità o di una liquidazione. Da dove iniziare quindi?

Risparmio gestito e diversificazione: cosa guardare?

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Gestione degli obiettivi di investimento, Portafoglio finanziario, Risparmio gestito

Risparmio gestito. Sono molte le forme utilizzate come fondi ed ETF. Occorre però scegliere con attenzione il prodotto in cui si investe senza innamorarsi del loro nome. Il rischio è quello di investire sugli stessi strumenti finanziari. Non bisogna guardare la marca. E’ importante vedere se sono a gestione attiva o passiva, quanto costano, se sono a replica fisica o sintetica, quali sono gli strumenti su cui si espone.

Vivere di rendita: è possibile? Oppure è un sogno?

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Diversificazione negli investimenti finanziari, Gestione degli obiettivi di investimento, Portafoglio finanziario

Vivere di rendita. E’ il sogno di molti. Qualcuno può farlo, altri non possono. Con le condizioni di mercato di oggi è possibile vivere di rendita? Cosa occorre? In questo articolo ho sviluppato delle simulazioni e delle ipotesi che possono aiutarti nel ragionamento.

Cambio Euro Dollaro

Rischio cambio: quando non è un problema?

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Diversificazione negli investimenti finanziari, Investimenti immobiliari, Portafoglio finanziario

Rischio cambio. Quando si approccia un investimento in una valuta diversa dalla nostra, prima o poi si arriva al fatidico quesito del rischio cambio. Mi conviene? Non mi conviene? Queste sono domande legittime. Nel caso di specie però vanno fatte delle considerazioni ad ampio raggio per comprendere la validità di un investimento in una valuta diversa. Vediamo quali aspetti considerare e per quale motivo alla fine potrebbe sempre essere conveniente affrontare un investimento in valuta purchè abbia determinate caratteristiche.

Monte dei Paschi di Siena: quali rischi corrono i clienti?

Pubblicato il 2 commentiPubblicato in Obbligazioni, Portafoglio finanziario, Strategie di investimento

Periodicamente torna fuori il problema Monte dei Paschi di Siena che fa prendere qualche paura ai diversi clienti: azionisti correntisti ed obbligazionisti. Aldilà delle problematiche presentate dalla banca come devono comportarsi i clienti di Monte dei Paschi di Siena? Proviamo a capire le diverse posizioni di azionisti, obbligazionisti e correntisti.