Investimenti immobiliari

Immobiliare è un buon investimento?

Il mattone è sempre stato un grande desiderio del popolo italico. È una cultura che ci portiamo dietro da almeno un secolo come ci testimonia Giovanni Verga nella sua novella “La Roba”:

“…Tutta roba di Mazzarò. Pareva che fosse di Mazzarò perfino il sole che tramontava, e le cicale che ronzavano, e gli uccelli che andavano a rannicchiarsi col volo breve dietro le zolle, e il sibilo dell’assiolo nel bosco. Pareva che Mazzarò fosse disteso tutto grande per quanto era grande la terra, e che gli si camminasse sulla pancia. – Invece egli era un omiciattolo, diceva il lettighiere, che non gli avreste dato un baiocco, a vederlo; e di grasso non aveva altro che la pancia, e non si sapeva come facesse a riempirla, perché non mangiava altro che due soldi di pane; e sì ch’era ricco come un maiale; ma aveva la testa ch’era un brillante, quell’uomo…”

La roba. Poter toccare con mano e vedere con i propri occhi il frutto dei propri sacrifici.
Naturalmente all’epoca di Mazzarò non c’erano tante alternative quindi la via era quasi obbligata.

La mentalità tuttavia è rimasta e quindi in tantissimi si sono infilati negli investimenti sull’immobiliare… Ma poi è arrivata la crisi del mattone dal 2008 in poi, lo Stato a metterci le grinfie sopra e così che tutto questo appeal sembra essere se non scomparso sicuramente scemato.

Andrebbero fatti naturalmente numerosi distinguo sull’immobiliare, il primo tra tutti che come sempre vale la regola della diversificazione.

Una persona che: lavora in Italia, vive in Italia, ha i propri investimenti finanziari in Italia (magari in titoli di Stato italiani), investe nell’immobiliare in Italia… Scusami ma la parola Italia è un pò troppo presente. Non credi?

 

Dove l’immobiliare è un buon investimento quali alternative all’Italia?

Nel bene e nel male, la globalizzazione ci ha condotto ad una apertura di orizzonti e di vedute mondiali che possono esserci utili anche nella gestione del patrimonio.

Il primo concetto basilare che vale sempre è la diversificazione quindi non bisogna mai esporsi completamente su un solo unico investimento: questo vale per il finanziario ma anche per l’immobiliare.

Premesso questo, se il patrimonio di un soggetto lo permette, è possibile valutare se l’immobiliare è un buon investimento, magari all’estero.

Penso di conoscere già le domande che ti stanno frullando nella testa: “Chi lo gestisce? Quanto rende? Come faccio? Quanto costa? È sicuro?”

Immobiliare USA, una alternativa all’investimento immobiliare italiano.

Se mi segui da un po’ sai già che non esistono investimenti sicuri per definizione e se non lo hai ancora fatto ti suggerisco di procedere alla lettura del mio libro “Investimenti sicuri: esistono davvero?”.

Il primo fattore di rischio che si presenta per valutare se l’immobiliare è un buon investimento riguarda la solvibilità dell’affittuario.

Contrariamente a quanto avviene in Italia, dove da un punto di vista legislativo “la legge è uguale per tutti” (ma per alcuni è più uguale che per altri), negli Stati Uniti d’America per il conduttore che sottoscrive un contratto di locazione la procedura in caso di insolvenza è molto semplice e diretta.

Infatti, in caso di mancato pagamento, viene mandato un primo avviso dopo 5 giorni in cui viene intimato l’immediato pagamento. Se il primo avviso non sortisce alcun effetto, dopo pochissimi giorni viene inviato un secondo avviso.

Se anche il secondo avviso non produce risultati tutte le entrate dell’abitazione vengono sigillate da parte dello sceriffo.

L’effrazione di tali sigilli, sia che uno si trovi dentro casa o fuori, corrisponde a commettere un reato che viene perseguito.
Aldilà delle pene previste per tale reato le conseguenze sono ben peggiori in termini creditizi.

Ogni soggetto ha infatti un credit score (punteggio creditizio). Nel caso in cui la persona non rispetti il pagamento dell’affitto, il suo credit score viene “macchiato” e la persona non troverà da affittare altrove in tutti gli USA.

Inoltre tale segnalazione rimane in essere per 7 anni in cui il soggetto non deve commettere alcun reato amministrativo poichè in tal caso i 7 anni vengono prolungati dall’ultima violazione commessa.

Tale credit score inficia negativamente perfino sull’iscrizione in alcune università per i figli.

Immobiliare USA: perché l’immobiliare è un buon investimento?  

Gli americani hanno una percezione completamente diversa dell’immobile rispetto a quella che abbiamo noi.

Infatti, mentre nella nostra cultura è radicatissimo il concetto di possesso, all’estero sono molto più slegati rispetto a questo concetto: per loro è normalissimo trasferirsi con tutta la famiglia da MIAMI a SAN FRANCISCO oppure a CHICAGO.

Lo scorso hanno la città di ORLANDO, che ospita World Disney, ha ospitato la bellezza di 60 milioni di visitatori: pari all’intera popolazione italiana! Un numero del genere naturalmente genera un indotto lavorativo di una certa rilevanza.

Investire in immobili negli USA: alcuni aspetti tecnici.

Torniamo agli aspetti tecnici.

Supponendo che nell’ambito di una diversificazione all’interno di un patrimonio che lo consente, questo tipo di investimento sia idoneo, la procedura è abbastanza semplice ed i passi sono i seguenti:
1) Individuazione dell’immobile in funzione delle proprie disponibilità ed in funzione della location. L’investimento va dai 70.000$ in su. Gli immobili vengono identificati con l’ausilio di alcune società che si occupano di seguire la procedura.

2) Una volta individuato l’immobile viene effettuato il bonifico e quindi il rogito. Spesso le abitazioni hanno già un contratto di locazione in essere.

3) All’atto dell’acquisto si stipula contestualmente un contratto con un Property manager ovvero colui che svolge le veci del proprietario (stipula contratti di locazione, ritira il canone di affitto, paga le spese condominiali, ecc…). Il Property manager viene remunerato con una quota parte del canone di locazione circa il 10% e la differenza verrà bonificata sul conto del proprietario.

4) Le abitazioni naturalmente possono essere più di una, in stati diversi, di dimensioni diverse e con rendite diverse.

5) Nel momento in cui ci si vuole liberare dell’investimento fatto, l’immobile entra nel circuito immobiliare federale ovvero diventa visibile in tutta la nazione ed è possibile reperire tutto lo storico sull’immobile: diventa quindi relativamente semplice e veloce disfarsene.

Naturalmente è possibile acquistare ed integrare l’investimento con tutte le polizze assicurative del caso, fermo restando che periodicamente ci saranno da conteggiare alcune spese, seppur basse, di manutenzione periodica (ad esempio la tinteggiatura).

Se l’immobiliare è un buon investimento quanto rende?

Naturalmente, come per ogni investimento, è normale aspettarsi un ritorno. In base alle diverse caratteristiche, i rendimenti netti possono andare dal 4% al 10% annuo escludendo la rivalutazione dell’immobile che in base ai dati dell’ultimo anno va dal 5% al 15% in base alla zona di acquisto.

Se ne vuoi sapere di più, visita il sito www.investireneglistatiuniti.com

Naturalmente è possibile accedere a questo genere di investimento non solo attraverso l’acquisto diretto ma anche attraverso strumenti del risparmio gestito come alcuni fondi immobiliari o alcuni ETF.

In questi casi la quota di investimento minima è naturalmente inferiore ma si ritorna ovviamente nell’area degli investimenti finanziari.

Contemplare l’investimento immobiliare all’interno della gestione di un patrimonio, potrebbe rappresentare una buona opportunità soprattutto se valutiamo una diversificazione geografica.

In base all’entità del patrimonio è poi possibile scegliere soluzioni diverse che non debbano rimanere esclusivamente nel campo residenziale.

Hai degli investimenti immobiliari? Pensi che un investimento immobiliare possa essere considerato all’interno del tuo patrimonio? Prova il nuovo servizio di consulenza online-on demand la prima ora è gratuita!

Vuoi comprendere meglio questa ed altre dinamiche relative alla gestione del tuo patrimonio? Prenotati subito al corso che si terrà a Rimini il 28 Maggio 2016 compilando il form dei contatti: verrai contattato al più presto e ti verranno fornite tutte le modalità per iscriversi… I posti sono limitati! Affrettati per non perdere il tuo posto in prima fila per poter apprendere un approccio innovativo nella gestione del tuo patrimonio!

2 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here