Investimenti sicuri: sono possibili?
Investimenti sicuri: sono possibili?

Investimenti sicuri. Spesso mi capita di incontrare clienti, amici o conoscenti che mi chiedono una dritta per un investimento sicuro. Partiamo dal presupposto che a nessuno piace perdere, a maggior ragione se si tratta di denaro frutto magari di sudate fatiche. Però un giorno mi sono fermato a pensare e mi sono fatto due domande:

  • Che cosa vuol dire investimento sicuro? (Domanda apparentemente banale, ma non lo è…)
  • Perché la gente chiede investimenti sicuri?

Senza voler avere la presunzione di avere la giusta risposta a queste domande, vi descrivo il mio pensiero.

1. Che cosa vuol dire investimento sicuro?

Sulla prima domanda, cioè che cosa vuol dire investimento sicuro, ho fatto diverse ricerche e riflessioni e sono arrivato alla conclusione che ahimè non esiste un investimento sicuro al 100%. La prima parola investimento presuppone che, anche da un punto di vista accademico, il valore di un bene acquistato oggi aumenti in futuro. Ma è sempre così? Gli italiani sono un popolo amante del mattone (perché la casa si vede e si tocca, mica come gli strumenti finanziari che sono carta straccia…)… Peccato che negli ultimi 4/5 anni si sono registrate flessioni anche del 50% che prima di essere recuperate occorre che in quelle zone il mercato immobiliare dai valori odierni si apprezzi del 100%!

Forse le azioni sono sicure?

Mah… potrebbe anche essere a patto che non abbiate troppa fretta di andare a vedere il loro valore.. Molto probabilmente nel lunghissimo periodo potrebbero rivelarsi un buon investimento…

Forse le obbligazioni sono un investimento sicuro?

Mah anche qui ci sono forti perplessità basta pensare alle sorti di Argentina, Grecia, Parmalat, Cirio, Lehman brothers, ecc…

Forse una bella polizza assicurativa! Mah… Andando ad indagare fra costi e rendimenti reali nonché la possibilità di fallimento della compagnia proprio tutta questa sicurezza non la vedo.

Beh allora potrebbe essere la liquidità! L’unico scenario in cui la liquidità rappresenta un (non) investimento sicuro è uno scenario deflazionistico. Cioè un kilo di pane costerà meno in futuro. Ma aldilà di questa eccezione anche la liquidità ha i suoi problemi… Basta pensare che oggi il rendimento attivo sui conti correnti è praticamente lo 0%..Se avete a disposizione più di 5000,00 € ci sono i bolli da pagare e così, seppur di poco, il vostro gruzzolo viene eroso. In caso invece di una situazione normale bisogna fare i conti con l’inflazione e così i 100€ di oggi non sono uguali ai 100€ di domani.

2. Perché la gente chiede investimenti sicuri?

Fatta questa panoramica sui potenziali investimenti sicuri vediamo perché le persone cercano e chiedono sicurezza.

Dopo i bisogni fisiologici basilari (mangiare, bere, dormire) la necessità di sicurezza appare al secondo posto nella piramide di Maslow. Maslow era un professore ebreo russo che ha ideato la gerarchia dei bisogni e quindi delle motivazioni che spingono gli individui.

Piramide di Maslow
Piramide di Maslow

Dove risiede la ricerca di sicurezza?

Aldilà di questo aspetto prettamente istintivo, penso che la ricerca di sicurezza risieda anche nel fatto che il cervello dell’uomo per sua natura non è programmato per perdere. Tanto è vero che quando subentrano perdite (nel senso generico del termine) emergono altri problemi come gli stati depressivi (basta pensare alla perdita di fiducia in sé stessi, alla perdita del lavoro, di un amico, di un parente). Ma a pensarci bene, ogni attività che noi affrontiamo nella vita non è sicura.

L’incertezza è un elemento che fa parte della vita in tutti i suoi aspetti, l’incertezza sul lavoro, l’incertezza sul matrimonio, l’incertezza sulla salute, ecc.. Mah allora se a pensarci bene non abbiamo alcuna certezza nella vita, come facciamo a pretendere la certezza/sicurezza da un investimento? L’unica cosa che possiamo fare è lavorare sui nostri obiettivi di vita ed anche finanziari e verificare periodicamente a che punto del percorso siamo, tenuto conto che durante il percorso possono esserci anche dei cambiamenti più o meno piacevoli che possono farci cambiare direzione. L’unica certezza e sicurezza che possiamo avere è quella di valutare sempre nel modo migliore le scelte che facciamo e quindi anche gli investimenti di qualsiasi natura che valutiamo. Definito lo scopo, ovvero l’obiettivo che vogliamo raggiungere e a cosa ci serve quel capitale, il resto viene quasi in automatico da sé.

E tu hai definito i tuoi obiettivi? Gli strumenti che hai in portafoglio ti aiutano allo scopo che ti sei dato?

Contattami senza alcun impegno per un confronto!

LASCIA UN COMMENTO