investimenti sicuri e garantiti

Investimenti sicuri e garantiti. Finalmente dopo tante richieste e tanta ricerca, ho trovato gli investimenti sicuri garantiti.

Si, hai letto bene. Ma prima di svelarti il segreto, è necessario fare qualche piccolo passo indietro.

Investimenti sicuri e garantiti: perché sono tanto cercati?

Nel mio lavoro “Investimenti sicuri: esistono davvero?” che ho scritto per te e che puoi consultare gratuitamente lasciando la tua email, ho descritto la dinamica che ci spinge a cercare gli investimenti sicuri e garantiti.

La cosa paradossale se ci rifletti, è che tutti noi siamo coscienti e consapevoli che nella vita non esistono certezze, tranne una.

Eh già, se proprio si vuole fare un investimento garantito che possiamo annoverare tra gli investimenti sicuri e garantiti bisogna recarsi in comune e chiedere informazioni per l’acquisto di un loculo.

Tutto il resto, per quanto vi facciano vedere carte e scartoffie o per quanto ognuno di noi possa avere la percezione che esistano investimenti sicuri e garantiti nella realtà non esistono.

Investimenti sicuri e garantiti, quello che ci piace sentirci dire.

Ho scritto più volte che l’uomo non è fatto per perdere. Di conseguenza, anche negli investimenti, cerca degli ancoraggi mentali che gli forniscano questa certezza.

Per esempio, molti investono in assicurazioni (di svariato genere) perché la sola parola “assicurazioni” ci fa sentire tranquilli ed immuni alla perdita. Ma in che cosa investono le assicurazioni? Sei proprio sicuro che si tratti di investimenti sicuri e garantiti? Quanto costano?

Qualcuno, per “non saper ne leggere né scrivere” si affida ai buoni fruttiferi postali. Perché tanto sono sicuri. Perché tanto c’è lo Stato dietro.

Già… Però io credo che se tu stessi giocando con una bomba, non aspetteresti la sua esplosione ma probabilmente non vedresti l’ora di liberartene.

In questo mio precedente articolo, puoi trovare degli spunti di riflessione:

diversificazione finanziaria: perchè escludere l’Italia

Investimenti sicuri e garantiti, perché?

Quello che riscontro quando le persone mi parlano di investimenti sicuri e garantiti o almeno percepiti come tale dipende da diversi fattori:

  1.  Non si ha ben chiaro uno scopo a cui devono essere destinati quei soldi ovvero una completa assenza di obiettivi.
  2.  Mancata conoscenza dei reali rischi che si corre facendo una operazione piuttosto che un’altra.
  3.  Mancata percezione del fatto che se anche oggi esistessero investimenti sicuri e garantiti, non è detto che rimangano tali anche in futuro.

Quindi molte volte si tende a scegliere quegli investimenti sicuri e garantiti, o almeno percepiti come tale, perché ci piace rimanere in una situazione che conosciamo.

Questo se ci pensi è un po’ assurdo… E’ come dire, mangio la pasta in bianco perché quella sono abituato a mangiare… E mi abituo così tanto che anche quando mi viene proposta la pasta al pomodoro comunque mi convinco che quella in bianco sia più buona solo perché la conosco!

Investimenti sicuri e garantiti, le cose che devi sapere.

Provo a fornirti qualche suggerimento, in modo che tu possa fare i tuoi ragionamenti:

  1.  Gli investimenti sicuri e garantiti non esistono, fattene una ragione.
  2. Quando investi, l’unica sicurezza sei tu. Se hai capito bene l’investimento che stai facendo allora prosegui. Se non ti sono chiari tutti, ma proprio tutti gli aspetti allora non lo fare.
  3.  Proprio per quanto scritto al precedente punto 1, un’altra arma in tuo possesso è la diversificazione. Non devi mai investire tutto il tuo patrimonio su un unico investimento. Per nessuna ragione. E’ sbagliato investire il 100% in oro, in obbligazioni di un unico emittente, in una casa, in buoni fruttiferi postali, ecc…
  4.  Ammesso e non concesso che esistano investimenti sicuri e garantiti, il fatto che lo siano oggi non è assolutamente detto che rimangano tali anche domani.
  5.  La paura di affrontare investimenti diversi o a cui non hai mai pensato, si supera solo e soltanto con la conoscenza ed effettuando una pianificazione finanziaria. Non ci sono altre vie.

Giunto al termine di questo articolo, voglio inoltre farti presente che è sbagliato parlare di investimenti sicuri e garantiti. Ma bisogna sempre e solo tenere in considerazione il rischio.

Il rischio siamo abituati a percepirlo sempre con un significato negativo. Ma parlare di rischio in fondo vuol dire parlare di probabilità. Ovvero che un evento negativo, ma anche positivo, si verifichi.

Quindi negli investimenti potrebbe essere considerata come la probabilità che un evento negativo si verifichi… Facciamo un esempio… Poniamo di aver fatto un investimento in cui abbiamo stimato che il valore delle probabilità a noi sfavorevole sia il 10%.
Con questa lettura forse nessuno farebbe l’investimento giudicandolo troppo rischioso.

Ma se invece ragionassimo al contrario ovvero se ti dicessi che al 90% il tuo investimento darà un risultato positivo, sono convinto che ragioneresti in modo completamente differente.

Non è così?

Alla prossima!
Roberto D’Addario
Consulente Finanziario Indipendente

LASCIA UN COMMENTO