Formula Posta Valore di Poste Italiane
Formula Posta Valore di Poste Italiane

Formula posta valore

In questo post volevo fare una breve analisi di questo prodotto che le poste stanno collocando dal Febbraio 2015.

Formula Posta Valore: caratteristiche del prodotto

Nella scheda prodotto, reperibile sul sito di Poste Italiane, mi sono balzate agli occhi le seguenti caratterisitiche:

  • Il regolamento del fondo non prevede specifiche limitazioni per l’investimento nelle componenti obbligazionaria e azionaria (in sostanza è a discrezione del fondo di come esporsi nei diversi asset).

Cosa succede in caso di morte dell’assicurato?

  • In caso di morte dell’assicurato, in funzione della sua età, viene corrisposto ai beneficiari un importo pari al versato maggiorato di una percentuale.

E alla scadenza?

  • Alla scadenza, in caso di vita dell’assicurato, viene corrisposto per la parte investita nella gestione separata il capitale rivalutato, mentre per la parte investita nel fondo interno il valore delle quote possedute alla scadenza.

Quanto costa alla sottoscrizione?

  • In funzione dell’importo versato alla sottoscrizione ci sono gli immancabili costi pari al 3,25% fino ad € 50000 oltre tale cifra c’è una somma fissa ed una variabile da calcolare sull’importo versato. Tanto per fare due conti, se vengono versati € 50.000 l’importo investito sarà di € 48.375.

Quanto costa durante la sua durata?

  • Inoltre i fondi sottostanti tale prodotto hanno un costo di gestione annuo pari all’1% per la gestione separata e l’1,15% per il fondo interno assicurativo che vengono addebitati a fine esercizio sul valore delle singole quote. Quindi, se per ipotesi l’investimento fosse diviso in 50% gestione separata e 50% gestione con il fondo interno assicurativo si avrebbe a fine anno un costo complessivo di 1,075%. Quindi per avere un rendimento per il cliente del 3%, vuol dire che la gestione separata ed il fondo interno assicurativo devono rendere almeno il 4,075%… (Risultato arduo da raggiungere considerando che le obbligazioni in euro a 10 anni attualmente rendono lo 0% se non hanno addirittura un rendimento negativo).
  • Il valore di riscatto potrebbe risultare tale da non consentire la restituzione di un ammontare pari al premio versato.
  • La compagnia non offre alcuna garanzia di rimborso del capitale o di rendimento minimo.

Sono sufficienti questi elementi per capire di che razza di prodotto sia Formula Posta Valore? Valore sicuramente c’è, non per il cliente però!

Alcuni suggerimenti

  • Evitare sempre di sottoscrivere prodotti finanziari di investimento misti che contengano una parte assicurativa. Non fanno bene né l’assicurazione né l’investimento.
  • Quanto più sono semplici i prodotti, tanto più sono comprensibili, tanto meglio è. Preferite avere la “sicurezza” sugli investimenti? Benissimo, se siete affezionati clienti delle Poste puntate su strumenti semplici e a costi 0 come i buoni fruttiferi ed i libretti al risparmio. Le porcherie come Formula Posta Valore lasciatele a chi ve le propone.
  • Avete necessità di sottoscrivere un assicurazione sulla vita? Sugli infortuni? Benissimo cercate prodotti che facciano solo quello calibrando un massimale assicurato adatto alle vostre esigenze.

Naturalmente prodotti come questo non sono offerti soltanto dalle poste, ma spesso e volentieri ve li propone anche la banca.

Non lasciatevi incantare dal vostro interlocutore, prendetevi 5 minuti di tempo e consultate i prospetti informativi o le schede prodotto per capire se quello strumento fa o meno al vostro caso, ma soprattutto se ci sono delle insidie nascoste.

Dopo aver fatto questa attività, valutate sempre se sul mercato ci sono alternative non vincolanti, semplici e comprensibili. Farete in questo modo la vostra scelta consapevole.

La posta o la banca ti ha offerto prodotto “Formula Posta Valore“? Sei sicuro di ciò che hai sottoscritto o che stai sottoscrivendo? Vuoi capirne di più per vedere se è il prodotto che fa al caso tuo o se ci sono alternative sul mercato? Hai bisogno di consulenza finanziaria in merito?

Contattami senza alcun impegno per un confronto!

6 Commenti

  1. Questo:
    “Quindi, se per ipotesi l’investimento fosse diviso in 50% gestione separata e 50% gestione con il fondo interno assicurativo si avrebbe a fine anno un costo complessivo di 2,25%. ”
    è sbagliato.
    Se il costo della Gestione è 1% e del fondo 1,15%, l’investimento è 50/50, il costo complessivo, medio è 1,075%.

    • Buongiorno Francesco, la ringrazio per avermi contattato. Sinceramente non saprei, bisognerebbe esaminare il prospetto informativo. Di sicuro però posso dirle due cose: 1) la quasi totalità dei prodotti/strumenti che vengono offerti in posta sono delle ciofeche ricche di costi che servono per ingrassare soltanto la struttura 2) La prima domanda che dovrebbe porsi però non è tanto sulla differenza tra i due prodotti ma si dovrebbe chiedere “Mi serve questo prodotto? Che ci devo fare? A quale scopo obiettivo della mia vita risponde? E soprattutto quanto costa? Su quest’ultima domanda le do un suggerimento… I prospetti informativi in posta li fanno praticamente in ciclostile.. Si guardi la sezione C e D del prospetto.. Vedrà che belle sorprese!

  2. Purtroppo ci sono cascato! A giugno 2016 ho sottoscritto un contratto appunto denominato “Polizza Vita New Formula Posta Valore”. Ora, a fatto compiuto, mi sto accorgendo d’aver fatto una “fesseria”. Mi sono fidato del “direttore di turno” dall’aspetto affidabile e convincente. Allo scadere dell’anno contrattuale (giugno 2017) come uscirne fuori?

    • Buonasera Luigi, la ringrazio per il commento. Bisogna vedere cosa prevede il prospetto informativo. Se ha navigato e letto alcuni articoli all’interno del mio sito, avrà certamente notato che ci sono alcune cose che ripeto all’infinito. In particolare: 1) mai sottoscrivere un prodotto o strumento finanziario che non serve 2) mai sottoscrivere un prodotto e uno strumento finanziario che non si è compreso fino in fondo 3) lavorare sugli obiettivi. Riguardo l’aspetto affidabile del direttore in questione è un argomento che ho trattato in questo articolo http://www.rdfinanza.it/investimenti-e-fregature-non-lasciarci-le-penne/
      Detto questo, io partirei dall’aspetto estremamente positivo della sua vicenda. Ha riconosciuto di aver sbagliato. Certo questo le ha comportato o le comporterà un costo. Ma non lo consideri tale. Lo consideri un investimento in una esperienza che ha fatto. Quindi se ha realizzato che non è un prodotto/strumento che le serve io non ci penserei due volte ad uscirne fuori e rimettere la palla al centro per ripartire.
      Chiunque nella vita commette errori. Non si fermi a questo. Guardi e oltre e faccia tesoro di quello che ha imparato. Le auguro una buona serata!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here