debito-pubblico-italiano-perche-lasciare-perdere-i-btp

Debito pubblico italiano, gli italiani ce lo hanno enorme…

Sono appena rientrato da un viaggio di lavoro all’estero ed una sera mentre rientravamo dai diversi giri ho notato la luna piena…bellissima…

Non so cosa diavolo mi sia passato per la testa e per quale motivo ho fatto l’accostamento che vi sto per descrivere.

Prima di tutto facciamo un passo indietro.

Ho scritto e ripetuto un sacco di volte che non si deve investire né sui titoli di Stato Italiani né tantomeno sulle obbligazioni bancarie.

Aldilà delle opportunità di rendimento che possono eventualmente offrire questi titoli, io ne ho sempre fatto una esclusione soprattutto per una ragione di diversificazione ma anche per una questione di rischio che non viene percepito.

Debito pubblico italiano, perché non investire in BTP?

Se vuoi approfondire il motivo ti invito a vedere questo video:

Oltre a questo, per esempio, nel momento in cui sto scrivendo questo post il debito pubblico italiano ammonta a:

debito-pubblico-italianoLo riesci a leggere?
Si legge testualmente in questo modo:

DUEMILATRECENTOOTTANTACINQUEMILIARDICENTOCINQUANTA
CINQUEMILIONICINQUECENTOOTTANTASETTEMILAQUATTROCEN
TOOTTANTASEIEURO.

Ti sei perso? Niente paura, non è soltanto un tuo problema ma un problema di tutti.. Quando il numero diventa troppo grande ci perdiamo e non siamo quasi più in grado di leggerlo.

Il debito pubblico italiano e la luna…

Ma torniamo al discorso della luna… Ti dicevo che a un certo punto mi è venuto in mente che una banconota da 500€ è lunga 16 centimetri

debito-pubblico-italiano-perche-non-investire-in-btpAllora ho trovato un modo per farti capire concretamente a quanto ammonta il debito pubblico italiano.

Seguimi nel ragionamento:

  • 2.385.155.587.486 è l’ammontare del debito pubblico italiano;
  • Se lo divido per 500€ so le banconote da 500€ che occorrono per coprire questo debito ovvero 4.770.310.174 banconote;
  • Per riportare la misura in metri, unità a noi più comprensibile, divido 100 cm (ovvero un metro) per 16 cm (lunghezza delle banconote da 500€) ed ottengo 6,25
  • Per riportare il numero complessivo delle banconote in metri divido quindi 4.770.310.174 per 6,25 ed ottengo 763.249.627 metri
  • 763.249.627 metri se lo dividiamo per mille otterremo i chilometri ovvero 763.249 Km.

Sebbene sia più comprensibile 763.249 Km forse risulta un numero ancora troppo grande, troppo astratto.

Allora ti chiedo: Lo sai quanto è la distanza dalla Terra alla Luna?

  • Distanza Terra – Luna = 384.400 Km

Ovviamente è la distanza per la sola andata… Se la moltiplico per due avrò ovviamente la distanza andata e ritorno ovvero 768.800 Km.

Hai capito ora quanto è grande il debito pubblico italiano?

Forse in termini di dimensione, ora ti è più comprensibile.

Ormai, mancano “soltanto” 5000 Km per coprire la distanza terra luna andata e ritorno con banconote da 500€…

Alla luce di questo, pensi che sia ancora tanto appetibile e sicuro investire in BTP oppure in buoni fruttiferi postali?

Ti faccio fare un’altra considerazione…

Facciamo finta che il debito dello stato non aumenti più e che quindi rimanga a questo livello… Con una manovra lacrime e sangue, come fu chiamata in epoca Monti, da 23,85 miliardi di euro all’anno occorrerebbero 100 anni per estinguere il debito pubblico italiano… Con una manovrina al mese, escludendo il mese di Natale e il mese di ferragosto sarebbero invece sufficienti “soltanto” dieci anni…

Debito pubblico italiano e le alternative al BTP

In conclusione hai capito perché i signori di palazzo ti prendono per i fondelli? Lo comprendi perché la situazione è più grave di quello che pensi e che ci vogliono far credere?

Forse ora ti è anche più chiaro perché uno dei pochi asset reali che ti può offrire una protezione è l’oro fisico… Ma quando provo a spiegare queste cose alle persone mi mettono davanti il grafico facendo le considerazioni “No ma qui il trend è short..”, “Ma l’oro non dà le cedole che ci faccio..”

Per chi è di questa idea allora non gli resta che investire in un fantastico BTP con scadenza nel 2067… Probabilmente per quella data il debito dell’Italia sarà tornato di nuovo sulla luna…Ma poi magari qualcuno deciderà di lasciarlo lassù…

Alla prossima!

Roberto D’Addario

 

 

2 Commenti

  1. Buonasera Roberto,
    a prescindere da tutte le considerazioni valide e motivate, il debito Italy è ben “coperto” dal patrimonio risparmiato dai privati, ossia >4000 mld €.
    Questo ipotetico prestatore di ultima istanza fu citato a suo tempo dall’emerito Prof. Monti, in una delle sue inutili conferenze tenute con il solito garbo e falsità dei salotti Piemontesi (Falsi e Cortesi).
    Il mercato continua a prestare soldi all’Italia? Certo in cambio di cessione di sovranità e democrazia ad uso e consumo delle speculazioni passate e future sui vari assets “interessanti” quali utilities e servizi. Un giro vizioso tra vittima e carnefice, solidamente legati da un fitto cordone ombelicale.

    • Buonasera Riccardo,
      certamente se vuole ho anche omesso che l’Italia è tra i maggiori detentori di oro fisico a livello mondiale.
      Proprio però per il fatto che ha sottolineato lei, io ne starei a maggior ragione ben lontano.
      Il fatto che venga rimarcato che comunque il debito è coperto dal risparmio degli italiani è una cosa offensiva che non si dovrebbero permettere di dire. Nessun è contento di rispondere dei debiti che altri hanno fatto e continuano a fare fregandosene del prossimo.
      Aggiungo inoltre che la clausola CAC introdotta nel 2013 è giusto un po’ anticostituzionale, per quanto possa valere, andando in barba all’art. 47 della carta costituzionale.
      Detto ciò non ne faccio una questione di rischio oppure opportunità ma ne faccio un discorso molto più ampio e complesso.
      A tal proposito invito lei e gli altri lettori a guardare questo brevissimo video:

      https://www.youtube.com/watch?v=Uix8wrI1ZHo

      Per questo motivo BTP ed obbligazioni bancarie le lascio ad investitori istituzionali oppure a chi si sente sicuro a sottoscriverli.

      Le auguro una buona serata.

LASCIA UN COMMENTO