Consulente finanziario autonomo ovvero “fee only”. Cosa fa?

Consulente finanziario autonomo. Cosi sono stati rinominati dalla recente normativa i consulenti finanziari indipendenti. Su questo argomento imperversa una gran confusione. Tutto sembra essere stato architettato non per il bene dei risparmiatori ma per il bene delle strutture bancarie. Intendiamoci, non sto qui a dire che il consulente finanziario autonomo sia meglio del consulente proposto dalle banche. Non è questo il punto. Ritengo però sacrosanto e giusto che il risparmiatore in tutta coscienza possa essere libero e ben informato sulla scelta. In particolare deve essere chiaro per il cliente come viene remunerato il consulente. Consulente finanziario autonomo. Il consulente finanziario indipendente, ovvero ora consulente finanziario autonomo è quella figura che viene pagata direttamente dal cliente. Non prende retrocessione alcuna sul suggerimento indicato al cliente. Il cliente continua a usare la propria banca a cui poi impartisce l’ordine di acquisto o di vendita. Quindi il consulente finanziario autonomo non entra mai in contatto con le disponibilità del cliente. Quindi in sostanza il cliente che decide di affidarsi ad un consulente finanziario autonomo, decide di affidarsi ad una figura che non ha alcun legame con il sistema bancario ovvero non viene retribuito da esso. Da questo comprendi anche che il consulente finanziario autonomo possa suggerirti di stare liquido, di comprare un terreno agricolo, un immobile, dell’oro fisico e molto altro. Per quale motivo? Semplicemente perché lo paghi in trasparenza tu. Quindi lo paghi per fare i tuoi interessi e non quelli della banca o della struttura che altre figure rappresentano. Consulente finanziario … Leggi tutto Consulente finanziario autonomo ovvero “fee only”. Cosa fa?