Come e dove comprare obbligazioni

Cosa sono le obbligazioni

Oggi ti voglio parlare dei passi da seguire e delle informazioni necessarie per poter acquistare una obbligazione. Ma prima vediamo insieme brevemente cosa sono le obbligazioni.
L’obbligazione è uno strumento finanziario con il quale un emittente, a fronte del riconoscimento di un rendimento, chiede dei soldi in prestito al mercato, ovvero a dei creditori. L’obbligazionista, tu che investi e tiri fuori i soldi, diventa pertanto creditore, mentre l’emittente è il debitore. Un maggiore approfondimento su come funzionano le obbligazioni è possibile trovarlo nei miei precedenti post.

Obbligazioni: cosa sono e come funzionano – Parte I

Obbligazioni: cosa sono e come funzionano – Parte II

Cosa occorre per comprare una obbligazione?

Per comprare una obbligazione occorrono:

  1. Un patrimonio minimo da investire. Il minimo dipende dal taglio minimo delle obbligazioni presenti sul mercato che possono essere di 1000, 10.000, 50.000 o 100.000.
  2. Di un rapporto bancario e del relativo dossier titoli. Per rapporto bancario intendo un conto corrente presso una qualsiasi banca o intermediario, mentre il dossier titoli è un appendice del tuo conto ovvero un contenitore legato al tuo conto in cui vengono inseriti i titoli che andrai a sottoscrivere.
  3.  Codice ISIN dell’obbligazione. Il codice ISIN è l’acronimo di International Securities Identification Number; detto in altre parole, è il codice fiscale univoco del titolo che serve per identificarlo e quindi per comprarlo.

Come comprare obbligazioni: alcune informazioni utili da sapere.

Le obbligazioni possono essere comprate in sottoscrizione, ovvero prima che vengano scambiate sui mercati finanziari; oppure possono essere comprate in un secondo tempo direttamente sui mercati ed in questo caso la loro quotazione è soggetta all’andamento del prezzo di mercato.
Esistono poi delle obbligazioni non quotate, come per esempio quelle di tantissime banche, dove l’emittente fa anche da “arbitro” del mercato ovvero disciplina la compravendita di questi strumenti. In particolare la banca te le vende, ma poi se vuoi rivenderle prima della loro naturale scadenza, potresti avere non pochi problemi. Quindi fai molta attenzione a questo tipo di strumento che deve essere eventualmente sottoscritto soltanto in quota parte rispetto al proprio patrimonio e comunque soltanto dopo aver ben compreso i rischi a cui si va incontro (gli obbligazionisti di Banca Marche insegnano…)

Come si trovano le obbligazioni?

Per cercare dei titoli da comprare ovvero su cui investire, alcune banche offrono dei motori di ricerca interni in cui è possibile effettuare una selezione in base al rendimento, alla scadenza, alla valuta di emissione, al rating dell’emittente, ecc…
Diversamente è possibile effettuare delle ricerche su siti come:

dove è possibile trovare moltissimi titoli.
Una volta individuato il titolo che risponde alle tue esigenze ed al tuo profilo di rischio, prendi il relativo codice ISIN, lo comunichi alla banca con la quantità da acquistare ed il titolo verrà caricato sul tuo dossier titoli.

La quotazione delle obbligazioni

Un titolo obbligazionario nel suo prezzo sconta e contempla diversi fattori ed in particolare:

  • la politica macroeconomica sui tassi di interesse;
  • la rischiosità dell’emittente;
  • la valuta di riferimento;
  • l’eventuale rischio paese;
  • il rendimento a scadenza.

Questi aspetti non sono di semplice valutazione. Te ne ho parlato perché se vuoi veramente capire come comprare obbligazioni, non è possibile fermarsi alla quotazione e poi prendere una decisione pensando “costa tanto o costa poco” e quindi di conseguenza la compro o non la compro.
In questo particolare contesto economico caratterizzato da imponenti azioni delle banche centrali, fare una selezione e valutare rischi e rendimenti è un’attività molto complessa. Per questo ti suggerisco sempre di affidarti all’aiuto di un consulente finanziario, un professionista, per la scelta dei titoli, ma prima ancora dei titoli ti suggerisco di affidarti ad una persona che si occupa di pianificazione finanziaria.

Cosa è la pianificazione finanziaria?

Ho già parlato in passato della pianificazione finanziaria, come puoi leggere ed approfondire su questo post.

Pianificare: alla ricerca dei propri obiettivi finanziari e di vita

In maniera molto sintetica, lasciandoti libero di approfondire l’argomento, pianificare vuol dire identificare un obiettivo, uno scopo a cui sono destinati i tuoi soldi, il tuo risparmio, tenendo conto però delle tue caratteristiche personali (profilo di rischio, situazione familiare, attività lavorativa, ecc…).
In funzione di questo comprendi quindi che scegliere una obbligazione piuttosto che un’altra

  • non è un processo semplice;
  • non dipende solo dall’emittente;
  • non dipende solo dal rendimento offerto;
  • non dipende solo dalla scadenza.

Quando si investe, non si può essere approssimativi pensando “faccio questo al posto di quello tanto che differenza c’è?”, oppure pensando in maniera molto approssimativa che ogni investimento è uguale ad un altro.
Come risolvere il problema dell’essere approssimativi?
Avendo una educazione finanziaria, come ho spiegato in questo precedente post.

L’educazione finanziaria agevola la pianificazione finanziaria

Spero che dopo questo post ti sia più chiaro come comportarti per comprare delle obbligazioni. Lo spazio dei commenti è a tua disposizione per approfondire l’argomento.

Alla prossima!
Roberto D’Addario

LASCIA UN COMMENTO